Da un’Altra Prospettiva, l'evento dunp 18 maggio

imm_174_claudio.jpgimm_174_claudio.jpg
imm_7092_2017_05_22_12_41_03.jpgimm_7092_2017_05_22_12_41_03.jpg
imm_5268_entrance.jpgimm_5268_entrance.jpg
imm_6585_creative.jpgimm_6585_creative.jpg
imm_3593_brutti.jpgimm_3593_brutti.jpg
imm_3502_fnp.jpgimm_3502_fnp.jpg
imm_403_roby.jpgimm_403_roby.jpg
imm_5755_torta.jpgimm_5755_torta.jpg

18 maggio, di pomeriggio... da un'Altra Prospettiva… è così che, abbiamo spento i pc e abbiamo visto il nostro ufficio subire una metamorfosi: siamo entrati in modalità “tutto è pronto per l'evento”.

Le occasioni per festeggiare sono state dettate da alcuni obiettivi importanti per dunp: l'inaugurazione del nuovo look della sede e i due anni del nostro dunp magazine. Una sede nuova dopo i lavori di ampliamento e rinnovamento che tra le tante novità ha portato un nuovo spazio desiderato da tempo: la terrazza.
La terrazza, o zona roof come amiamo chiamarla, è nata e ideata per essere un punto di incontro relazionale per tutti noi: clienti, fornitori, dunpers e amici.
E la festa di ieri è solo il primo degli “eventi incontro” di dunp.

Una festa preparata da giorni, settimane che è stata curata nel minimo dettaglio per rendere indimenticabile l'aperitivo: l'impegno dei dunpers si è visto momento dopo momento. Indimenticabile il momento “foto brutta” con il nostro angolo photoboot allestito all'entrata, pronto ad accogliere i nostri ospiti, invitati a fare la foto più brutta. Una piccola anticipazione: dalla prossima settimana partirà una vera e propria votazione, per eleggere la foto più brutta!
Seguiteci sui social per scoprire come!

Anche per la scelta del food, niente è stato lasciato al caso e l'elemento creatività non poteva mancare. Partendo dai vini di Casale del Giglio il percorso portava verso il bancone bar di Barattolo, nell'angolo della terrazza, con una proposta di cocktail davvero particolari e una proposta di food con la tecnica della vasocottura; per stupire sul finale con i tiramisù millegusti del nostro MiTiroSù.
Per festeggiare i due anni del magazine, invece, sono state esposte in terrazza le cover con le illustrazioni realizzate dai creativi che hanno partecipato in passato al contest #mettitiinmostra , alcuni dei quali erano presenti per l'occasione.
Ad intrattenere gli ospiti, durante l'arco della serata, le performance sui trampoli dei ragazzi dell'Accademia Creativa che a fine serata hanno proposto un suggestivo spettacolo con il fuoco.

Dopo lo spettacolo finale dei ragazzi dell'Accademia Creativa, il tanto atteso discorso del Presidente dunp Claudio Polito. Già dalle prime parole trapelava l'emozione sia per la festa in sé sia per il percorso che ha portato fin qui. Ha messo subito le mani avanti dichiarando il suo stato di “stasi emozionale e di un'estasi emotiva” per poi proseguire con il discorso, circondato dai noi dunpers.

Tutto questo è stato reso possibile grazie al lavoro incredibile di Sogester che ha curato la logistica dell'evento in ogni aspetto con grande professionalità.

dunp è un'emozione, un sogno che siamo riusciti a realizzare” ha detto ricordando la partenza, 9 anni fa in un laboratorio di 16 mq, fino ad oggi “pronti per rilanciare e partire verso il futuro”. Ha descritto poi la sua visione, i suoi “momenti” ripercorrendo i fumetti che ha nel suo ufficio.
Non sono mancati i ringraziamenti per i presenti, per chi non c'era e per tutti i dunpers che hanno reso possibile la riuscita dell'evento.
Una parola, su tutte, è emersa: gratitudine. Partendo dalla gratitudine per le persone del presente e per quelle del passato che hanno aiutato a costruire il suo percorso e il momento attuale, ha descritto la vita come un percorso in cui tutto è collegato: “La nostra vita proprio è collegata. Dietro qualsiasi cosa, che a noi possa apparire in quel momento negativa, c'è sempre un aspetto positivo ed è su quello che dobbiamo puntare non sulla negatività”.

Un percorso che ha consentito a tutti i dunpers di fare tutto quanto in libertà. La libertà, il concetto base di chi lavora in dunp: “liberi di esprimere la nostra creatività, liberi di esprimere la nostra professionalità, di avere la possibilità di agire per realizzare i nostri sogni”. Dopo il finale ringraziamento ai genitori ha preso la parola il Direttore Creativo Roberta Flamini per ringraziare Claudio “per la sensibilità e la forza con cui ha portato avanti tutto questo”.
Una festa che ha unito, che ha festeggiato il nuovo, che ha ufficialmente aperto le porte ad una partenza e un rilancio all'insegna dei sogni e della positività.

Tutti gli articoli