Salta al contenuto principale

Gamification nel marketing: cos'è e perché funziona

Gamification nel marketing: cos'è e perché funziona
12/02/2024

La nuova strada del marketing è la gamification: ecco perchè far "giocare" il proprio target

Prima di approfondire il ruolo della gamification nel marketing ed esplorare i diversi campi di applicazione di questa tecnica, proviamo a darne una definizione sintetica e chiara. Per gamification s’intende l’utilizzo di meccanismi tipici del gioco, e nello specifico dei videogiochi, all’interno di contesti non ludici. Questi elementi possono essere ad esempio punti, livelli, premi o punizioni. 

ATTENZIONE: l’introduzione del game design all’interno del proprio progetto non è da intendersi come un banale tentativo di trasformare un contesto serio in uno ludico; si tratta solamente di approcciare una diversa strategia.

I campi di applicazione della gamification

Non è difficile immaginare come una risorsa così versatile possa trovare applicazione in diversi settori. Un esempio è l’introduzione della gamification della didattica a scuola. In questo caso è molto semplice in quanto sono numerose le piattaforme già esistenti, sviluppate da esperti; questa metodologia garantirà un maggiore coinvolgimento della classe durante la lezione. Sempre legato al campo della gamification nella didattica è interessante osservare come sempre istituzioni museali stiano integrando le proprie risorse con sistemi di gamification per rendere l’esperienza più interattiva ed emozionale. Molti musei si servono ad esempio di app mobili che la utilizzano per guidare i visitatori attraverso mostre e collezioni, oppure adottano la realtà aumentata (AR) per offrire esperienze interattive e coinvolgenti. 

Un altro settore di applicazione è quello delle risorse umane. Servirsene in questo campo è un ottimo modo per agevolare il processo di recruitment, facilitare la gestione del personale e i rapporti tra i dipendenti. Un esempio? Zappos ha introdotto un gioco interno all’azienda che si chiama The Face Game: la maggior parte delle aziende per accedere ai sistemi informatici richiede un nome utente e una password.

Da Zappos, è richiesto un passaggio in più. Al momento dell’accesso viene mostrata la foto di un dipendente e all'utente viene dato un test a scelta multipla per indovinare chi sia quel dipendente. Successivamente, viene mostrato il profilo e la biografia di quel dipendente. La gamification in questo caso viene impiegata affinchè tutti possano conoscere meglio i propri colleghi. Senza ombra di dubbio però trova la sua migliore applicazione proprio nel mondo del marketing. Un esempio lampante è quello del Fantasanremo, che ha trasformato radicalmente il modo di concepire il Festival. 

Il marketing e la gamification

Il fenomeno della gamification trova senz’altro terreno fertile nel mondo del marketing, sia digitale che offline. Una serie di vantaggi che si possono trarre dall’applicazione della gamification in una strategia di marketing sono:

  • Coinvolgimento degli utenti: aumenta l'interazione degli utenti con il marchio o il prodotto, incoraggiandoli a partecipare attivamente. Utilizzando elementi ludici come badge, punti o livelli, si stimola l'engagement e si spinge l'utente a tornare per ottenere ricompense o raggiungere nuovi obiettivi.
  • Fidelizzazione degli utenti: si crea un legame più forte tra l'utente e il marchio. Offrendo ricompense, sconti o accesso a contenuti esclusivi, si incoraggia la fedeltà degli utenti, aumentando la frequenza delle visite e la permanenza sulla piattaforma.
  • Generazione di dati e insight: la gamification può essere utilizzata per raccogliere dati sui comportamenti degli utenti. Attraverso l'analisi delle loro interazioni con gli elementi ludici, infatti,  si possono ottenere informazioni preziose per adattare e ottimizzare la strategia di marketing, comprendendo meglio le preferenze e i bisogni della propria audience.
  • Diffusione del marchio e coinvolgimento sociale: introdurre un gioco può incoraggiare gli utenti a condividere le loro esperienze sui social media. Ad esempio, l'offerta di premi per il coinvolgimento sociale può spingere gli utenti a condividere le proprie conquiste o attività, aumentando così la visibilità del marchio attraverso il passaparola online.

Case study sulla gamification

Per capire meglio come applicare le logiche del gaming nel processo di promozione del proprio brand portiamo adesso un paio case study molto interessanti, che possono senz’altro offrire qualche spunto e chiarire come è possibile fare marketing e fidelizzare il tuo pubblico attraverso questo modus operandi. 

Duolingo, con decine di milioni di utenti attivi al mese, si posiziona tra le app per imparare le lingue più popolari al mondo.  A determinare il suo successo sono state sicuramente la sua praticità e facilità di uso, ma a rendere il tutto ancora più attraente sono i meccanismi di gioco interni alla piattaforma. Questa piattaforma di apprendimento delle lingue utilizza infatti la gamification per motivare gli utenti a imparare, attraverso livelli, sfide, accumulo di punti e badge, e soprattutto attraverso una progressione di apprendimento personalizzata. Un caso veramente esemplare e totalmente immersivo dell’uso della gamification lo offre Fanta.

Durante l’estate del 2019 il brand della famosa bevanda gassata ha introdotto in Spagna una sfida basata sulla serie tv Game Of Thrones. In occasione del lancio di quattro nuovi varianti di gusto in edizione limitata, i consumatori più giovani sono stati invitati a partecipare alla “Battaglia dei sapori”, una serie di giochi interattivi attraverso i diversi social. Lo scopo della sfida era quello di decretare il sapore migliore, che sarebbe entrato a far parte della linea in maniera permanente.

Perchè scegliere la gamification

La gamification nel marketing ha dimostrato di essere un'efficace strategia per coinvolgere il pubblico, aumentare l'engagement degli utenti e promuovere la fedeltà al marchio. La sua crescente popolarità è dovuta al fatto che offre un modo innovativo ed efficace per coinvolgere il pubblico in modo più diretto e divertente, incoraggiando l'interazione, la fedeltà e la partecipazione attiva degli utenti, elementi fondamentali per il successo nel contesto del marketing moderno.

(articolo di Federica Maria Diddoro) 

Vuoi saperne di più? Richiedi una consulenza