Bandi a fondo perduto: Voucher Digitali 2022

Digitalizzare è la parola d'ordine del nuovo millennio. L'agenzia dunp ti aiuta a ottenere i fondi

Bandi a fondo perduto: Voucher Digitali 2022
12/07/2022

Sono molte le zone in Italia  in cui sono aperti i bandi a fondo perduto per la concessione di voucher digitali. I voucher digitali permettono di ricevere contributi a fondo perduto in una misura percentuale che supera il 50% e talvolta arriva fino al 70%. 

La maggior parte però prevede bandi con scadenze diverse a seconda della camera di commercio locale. Al momento sono aperti, dal 16 maggio a Prato, dal 26 aprile a Chieti e Pescara, dal 18 maggio a Treviso e Belluno, dal 17 febbraio, a Cosenza etc etc. 

I prossimi bandi  Voucher Digitali in apertura saranno quelli delle Camere di Commercio del Lazio con un fondo stanziato di oltre 5 milioni di euro. 

bandi a fondo perduto

Cosa sono i voucher digitali

I Voucher digitali nascono con l’obiettivo di promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle micro, piccole e medie imprese, di tutti i settori economici attraverso il sostegno economico alle iniziative di digitalizzazione, anche finalizzate ad approcci green oriented del tessuto produttivo.

Contributi a fondo perduto: come funziona l'erogazione

L’erogazione dei finanziamenti a fondo perduto alle imprese costituite e iscritte alle Camere di Commercio di tutta Italia funziona in modalità sportello.  Solitamente adottano il “meccanismo del rimborso” ossia prima di ottenere il contributo  si deve dimostrare di aver sostenuto delle spese. A rimborso su tali spese, successivamente si otterrà il contributo a fondo perduto.

Il Voucher indetto dalle camere di commercio per l’innovazione digitale prevede che le imprese che hanno sostenuto delle spese per creare un e-commerce, ottenevano il 70% a rimborso.

La logica che anima questo tipo di supporto all’imprenditorialità non è quella di finanziare start up che non hanno capitale ma quella di aiutare le imprese già esistenti. Imprese che decidono di investire nella digitalizzazione sia per migliorare i flussi produttivi organizzativi del lavoro, sia per trovare nuove linee di guadagno attraverso piattaforme gestionali e di vendita on-line. Imprese che hanno già deciso di effettuare questo investimento e che sono spronate a farlo in un’ottica di rimborso successiva alla realizzazione dei propri progetti digitali.