Salta al contenuto principale

Google Ads per il settore Travel: le ultime tendenze

Google Ads per il settore Travel: le ultime tendenze
05/07/2023

Google Ads si presta in modo naturale al settore travel: scopriamo come e con quali modalità

Google Ads e il settore travel, amore a prima vista. Il peso del mercato digitale nel settore turismo è cresciuto negli ultimi anni. L'intera spesa del comparto turistico ha visto un'impennata delle prenotazioni derivanti da mobile. Non possiamo più parlare del mobile come un trend del futuro, bensì dobbiamo iniziare da subito (sarebbe meglio se avessimo già iniziato) a pensare come sfruttare le sue potenzialità per entrare in contatto con i nostri clienti.

Se non siete ancora convinti del perché sia necessario ipotizzare una strategia mobile, facente parte di una più ampia strategia di presenza digitale, questi sono i dati Google, in collaborazione con Luth Search, di una ricerca effettuata nel mercato americano, da parte di un utente: questa persona, ha avuto ben 419 momenti digitali (ha visto 5 video, visitato 380 pagine web ed effettuato, effettuato 34 ricerche), prima di prenotare un viaggio; di questi 419 ben l'80% si sono verificati su un dispositivo mobile. Di certo il mercato statunitense è sicuramente avanti quando si parla di prenotazioni online, ma non dimentichiamo che parliamo di un fenomeno inarrestabile anche in Italia, per questo nessuna azienda può permettersi il lusso di non presidiare il canale online.

Campagna Google Ads nel settore travel: quando conviene

Ti è capitato di avere una conversazione con un collega imprenditore che ha ottenuto molte prenotazioni grazie a Google Ads? Prima di iniziare a utilizzare questa strategia, fermati un attimo. Non è detto che ciò che funziona per un'azienda dia gli stessi ottimi risultati per un'altra. Lo stesso vale per il servizio pubblicitario di Google. Pertanto, è importante capire se sia la scelta giusta per te in questo momento specifico. Infatti, mentre la strategia SEO si concentra sui risultati a lungo termine, gli annunci pubblicitari sono attivi per un periodo di tempo definito.

Quindi, per valutare se sia opportuno o meno realizzare una campagna con Google Ads, è necessario considerare cosa si desidera promuovere: un evento, una promozione, l'inizio della stagione estiva con offerte e sconti, un pacchetto vacanze speciale, un viaggio di gruppo o un'esperienza unica. È possibile creare una pagina di destinazione personalizzata per raggiungere tali obiettivi. In alternativa, si può decidere di indirizzare l'utente al sito web dell'hotel, dell'agenzia o di un'altra impresa turistica.

Google Ads e le soluzioni responsive

Nel secondo caso, se l'annuncio reindirizza all'interno del sito, è fondamentale assicurarsi che quest'ultimo sia in grado di accogliere il visitatore e convertirlo. Ad esempio, è essenziale che la piattaforma sia ottimizzata per dispositivi mobili, in modo da poter essere facilmente utilizzata su smartphone e tablet. Inoltre, è importante effettuare un restyling, adattando i testi, le grafiche, le fotografie e le immagini (che nel settore turistico sono di fondamentale importanza) alla nuova stagione, in modo da affascinare e coinvolgere l'utente fin dall'inizio della sua esperienza sul sito web.

Un sito web non può prescindere da un modulo di prenotazione, che potrebbe fungere da collegamento diretto tra la campagna Google Ads e la conversione del cliente. Infine, per valutare le reali performance della campagna e del sito, è fondamentale collegarlo a Google Analytics. Questo strumento fornisce statistiche sul traffico, sulle pagine più visitate, sulla frequenza di rimbalzo e su tutti gli indicatori più importanti.

Aumenta la visibilità su Google con campagne ottimizzate 

È di fondamentale importanza prendere una decisione riguardo alla località in cui si svolgerà la campagna di Google Ads. Ad esempio, se un hotel si trova a Milano, non ha senso selezionare Milano stessa come città target, poiché i turisti provengono da altre località. Pertanto, è preferibile escludere Milano e le sue vicinanze come potenziale pubblico target per la campagna. Google Ads fornisce la possibilità di personalizzare tutti i dettagli del target, quindi è essenziale avere una conoscenza approfondita del cliente ideale prima di agire. Infine, è necessario stabilire il budget da investire nella campagna pubblicitaria.

Una volta che tutti i campi sono stati completati, si fa clic su "Salva e continua". A questo punto, è giunto il momento di creare l'annuncio pubblicitario vero e proprio, selezionando attentamente le parole chiave che hanno maggiori probabilità di generare conversioni degli utenti. A tale scopo, GoogleAds  ha sviluppato il Keyword Planner per assistere gli inserzionisti. Infine, non resta che avviare o programmare la campagna e monitorarne attentamente le prestazioni. Molto interessante la nuova opportunità, Customer Match, di creare un pubblico simile a quello di utenti che hanno già effettuato conversioni sul nostro sito. Con Customer Match è possibile creare campagne su Youtube, sulla rete di ricerca o su Gmail.

Quali annunci fare con Google Ads

Diversi formati pubblicitari sono a disposizione su Google Ads per soddisfare le esigenze di marketing:

  1. Annunci di Ricerca: Questa tipologia è la più comune di Google Ads e si basa sull'acquisto di parole chiave pertinenti alle ricerche effettuate dai potenziali clienti. Attraverso questo formato, puoi ottenere una posizione privilegiata nei risultati di ricerca e aumentare la visibilità del tuo annuncio.

  2. Annunci Display: Questo formato di Google Ads si presenta in diverse forme, come testi e banner, e può comparire su una vasta rete di siti partner di Google, tra cui Gmail. Gli annunci display di Google Ads sono particolarmente efficaci nelle campagne di retargeting, in cui vengono mirati agli utenti che hanno già dimostrato interesse nel tuo sito web.

  3. Annunci Video: Questa tipologia pubblicitaria coinvolge la visualizzazione di un video prima, durante o dopo la riproduzione di contenuti video su YouTube. Gli annunci video offrono l'opportunità di promuovere i tuoi prodotti o servizi in modo coinvolgente e visivamente accattivante.

  4. Annunci per App: Questo formato è specificamente dedicato alle applicazioni mobili. Puoi utilizzare gli annunci per app per promuovere la tua app e raggiungere direttamente un pubblico interessato attraverso dispositivi mobili.

(fonte immagine: Freepik) 

Vuoi saperne di più? Richiedi una consulenza